Today: Sunday 20 June 2021 , 6:25 am


advertisment
search




Chelonia mydas

Last updated 1 Mese , 1 Giorno 9 Visualizzazioni

Advertisement
In this page talks about ( Chelonia mydas ) It was sent to us on 19/05/2021 and was presented on 19/05/2021 and the last update on this page on 19/05/2021

Il tuo commento


Inserisci il codice
  {{Tassobox
nome=Tartaruga verde
statocons_versione=iucn3.1
statocons=EN
statocons_ref=
immagine=Hawaii turtle 2.JPG
didascalia=Chelonia mydas
dominio= Eukaryota
regno=Animalia
sottoregno=
superphylum=
phylum=Chordata
subphylum=Vertebrata
infraphylum=
microphylum=
nanophylum=
superclasse=
classe=Reptilia
sottoclasse=Anapsida
infraclasse=
superordine=
ordine=Testudines
sottordine=Cryptodira
infraordine=
superfamiglia=Chelonioidea
famiglia=Cheloniidae
sottofamiglia=
tribù=
sottotribù=
genere=Chelonia
sottogenere=
specie=C. mydas
sottospecie=
biautore=(Linnaeus
binome=Chelonia mydas
bidata=1758)
triautore=
trinome=
tridata=
sinonimi=Testudo mydas
nomicomuni=
suddivisione=
suddivisione_testo=
La tartaruga verde (Chelonia mydas
(Linnaeus, 1758)
) è una tartaruga marina della famiglia Cheloniidae , unica specie vivente del genere Chelonia.

Descrizione

Si distingue dalle altre tartarughe marine per il carapace dotato di quattro paia di scuti costali, una sola placca prefrontale sulla testa, che è robusta, voluminosa ed arrotondata, la punta del becco corneo della mascella superiore non ricurva ad uncino e gli scudi del carapace mai embricati.
Il maschio si differenzia dalla femmina per la coda più robusta (più larga e lunga) e per le unghie degli arti anteriori più lunghe.
La colorazione della corazza è bruno-olivastra, con striature e macchie gialle o marmorizzate. Gli esemplari giovani sono più uniformemente bruno-olivastri, con gli arti bordati di giallo.
L'adulto è lungo fino a 140 cm circa, con un peso che può raggiungere i 500 kg.

Biologia

Il suo stile di vita è simile a quello della tartaruga comune (Caretta caretta), dalla quale differisce soprattutto per le imponenti migrazioni, anche di 2000 km, che a migliaia gli adulti compiono in gruppo spostandosi dalle zone dove sostano per cibarsi a quelle di accoppiamento e ovodeposizione. È ritenuta la più adatta al nuoto fra le tartarughe viventi.

Alimentazione

Si nutre prevalentemente di fanerogame marine e per questo la si rinviene soprattutto in aree ricche di praterie sommerse.

Riproduzione

La stagione riproduttiva va da luglio a marzo. La femmina si accoppia e depone le uova ogni 2-3 anni: sulla spiaggia, scava con le natatoie 5-7 buche nelle quali, ad intervalli di 10-15 giorni, depone circa 100 uova a guscio bianco e molle, per un numero complessivo stagionale di circa 500 unità. L'incubazione dura 50-60 giorni, in dipendenza delle condizioni climatiche. Si calcola che solo un neonato su 500 riesca a raggiungere la maturità sessuale.

Distribuzione e habitat

La specie è cosmopolita di mari tropicali e subtropicali. Vive in acque pelagiche e costiere, in vicinanza delle barriere coralline e di coste sabbiose, dalla superficie fino a 30-40 metri di profondità.
È presente anche nel Mediterraneo .
Nel 2009 ne sono stati rinvenuti pochissimi esemplari anche lungo le coste italiane, precisamente nel Golfo di Manfredonia"A Manfredonia nuota la tartaruga verde", in la Repubblica, 1º agosto 2009. e in Sardegna non lontano da CastelsardoCristina Nadotti, http://www.repubblica.it/2009/08/sezioni/ambiente/tartaruga-cts/tartaruga-cts/tartaruga-cts.html "Una tartaruga verde trovata in Sardegna", in la Repubblica, 13 agosto 2009.. Fra il 2015 e il 2017 sono stati curati 3 esemplari nel Centro di Recupero Cura e Riabilitazione delle Tartarughe Marine di Riccione gestito da http://fondazionecetacea.org/ Fondazione Cetacea Onlus, poi rimesse in libertà.
di C. mydas (in azzurro). I cerchi rossi indicano i siti di nidificazione maggiori, quelli gialli siti di nidificazione minori.alt=Map showing turtle distribution with concentrations at entrance to Persian Gulf, East African coast, East and West South African coasts, Northern Australia, and Indonesia, with lesser concentrations in Caribbean, Western African coast, Red Sea, India, and Oceania.
Nell'estate del 2019, eccezionalmente, ben tre esemplari di Chelonia mydas sono stati trovati nelle acque del Tirreno: due erano purtroppo morte, la terza, ribattezzata Nausicaa, è stata consegnata da un pescatore ai biologi del Centro di Recupero Tartarughe marine tartAmare di Marina di Grosseto. Dopo essere stata ospite del centro, dove è stato accertato il suo stato di salute, il 12 settembre 2019 è stata liberata nelle acque di Marina di Grosseto dagli stessi biologi di tartAmare. Il 27 luglio 2020 un esemplare è stato tratto in salvo da un pescatore che ha recuperato l'animale che galleggiava nelle acque della zona di Quirra nel sud Sardegna avvolto da un groviglio di reti e nylon. Soccorsa all' arrivo in porto è stata affidata alle cure del centro di recupero del Sinis.

Stato di conservazione

La IUCN Red List classifica C. mydas come specie in pericolo di estinzione (Endangered).

Note


Altri progetti


Collegamenti esterni

  • Foto e video di Chelonia mydas su ARKive

  • Categoria:Cheloni
    Categoria:Taxa classificati da Linneo
     
    Commenti

    Non ci sono ancora commenti




    ultima visualizzazione
    la maggior parte delle visite